Museo delle Valli ed agibilità

museo delle Valli

Nella conta degli immobili pubblici al momento “chiusi” perchè sprovvisti del Certificato di Prevenzione Incendi c’è anche il Museo delle Valli di Argenta.

Come anticipato qualche settimana fa abbiamo recentemente depositato un’interrogazione che puoi leggere a questo link.

A parte le lunghe premesse sulle priorità della nostra Amministrazione nell’assicurare che gli edifici di proprietà o in disponibilità del Comune siano provvisti di Certificato di Prevenzione Incendi (CPI) e dei requisiti di sicurezza previsti dalle norme vigenti, abbiamo appreso che il CPI scaduto nel 2015 non è stato rinnovato in tempo per una pura svista. La titolarità nel mantenere in essere le misure di sicurezza antincendio esistenti spettava infatti nel 2013 a Terre Srl che gestiva il museo. Essendo subentrata Soelia al vecchio gestore, la competenza è quindi stata trasferita alla nostra partecipata che si è attivata quest’anno, dopo che i Vigili del Fuoco di Ferrara hanno ravvisato tale importante mancanza.

Questa volta… purtroppo o per fortuna…utilizzando lo strano modo di pensare del Sindaco (vedasi teatro dei fluttuanti), non abbiamo responsabilità riguardo la chiusura del Museo.

La nostra efficiente Amministrazione ha fatto tutto da sola, lasciando scadere l’ennesimo CPI di un importante e strategico edificio ad uso pubblico, a quanto pare per una ”svista” durata 3 ANNI.

Il nostro parere ovviamente è diverso, infatti secondo noi la chiusura del Museo è solo l’ennesima dimostrazione dello stato di abbandono in cui versano le nostre valli, fulcro del rilancio turistico e quindi economico del nostro Comune. Ma di questo ve ne renderemo conto a fine anno quando chiederemo di avere a disposizione i dati di affluenza turistica del 2018

Per leggere la risposta alla nostra interrogazione clicca qui.

 

Teatro dei Fluttuanti Habemus agibilità

teatro dei fluttuanti

Il M5S di Argenta coglie con molto favore la conclusione dell’incresciosa vicenda che ha coinvolto il Teatro dei Fluttuanti di Argenta. Finalmente dopo ben 11 anni di mancanza dei certificati antincendio (scaduto nel lontano 2007 e rinnovato solo ad ottobre 2018) e di agibilità, apprendiamo dalla stampa che l’iter autorizzativo sembra essere giunto al termine.

Auguriamo all’Associazione ‘’Giovani 90’’ quattro anni ricchi di soddisfazioni, finalmente in un Teatro a norma.

Ci dispiace invece che il Sindaco uscente abbia voluto togliersi qualche sassolino dalle scarpe, esternando considerazioni a nostro avviso fuori luogo e del tutto inadeguate per un Amministratore della sua ventennale esperienza.

Vediamo di fare un breve riassunto, utili a contestualizzare la discussione.

In qualità di consiglieri eletti, abbiamo il dovere (a quanto pare intollerabile) di verificare la correttezza dell’operato dell’Amministrazione comunale. Essendo venuti a conoscenza della mancanza delle certificazioni al funzionamento del Teatro obbligatorie per legge, abbiamo effettuato in data 23 novembre 2017 una richiesta di accesso agli atti con cui chiedevamo copia dei certificati richiesti dalla legge.

In data 19 gennaio 2018 (quasi trenta giorni dopo la naturale scadenza prevista) ci veniva fornita la documentazione da cui si evinceva come il Teatro, che nel frattempo aveva iniziato la stagione, fosse sprovvisto di Certificato prevenzione incendi, agibilità ed autorizzazione al pubblico spettacolo. Nel pieno rispetto del nostro dovere di consiglieri comunali abbiamo avvisato prontamente il Prefetto di Ferrara, affinchè potesse escludere ogni rischio per l’incolumità dei fruitori.

In data 17 febbraio 2018 non avendo ricevuto alcuna risposta in merito, permanendo ancora le condizioni di mancato rispetto delle leggi, abbiamo presentato esposto alla Procura.

Rasenta il grottesco che il Sindaco uscente non abbia saputo fare di meglio che definire ‘’intollerabile’’, la denuncia che abbiamo fatto alla procura, soprattutto perché proviene da un politico di lunga data che da ormai venti anni gestisce la cosa pubblica e che dovrebbe conoscere le norme molto meglio degli ‘’inesperti grillini’’.

L’apoteosi del nulla viene raggiunta con la seguente frase: ’’Essermi assunto la responsabilità di tenere aperto quel luogo della cultura e della convivialità nei mesi (in
realtà 11 anni) nei quali non c’era il CPI non è stato per me sottovalutare i suoi fronti aperti, ma dare priorità, nelle mie valutazioni, del ruolo che esso riveste per tutti noi, sostenuto dalla consapevolezza che i monitoraggi e gli interventi per la sicurezza si sono succeduti dal 2009 con continuità’’.

Siamo impressionati dai poteri sovrumani del Sindaco, che a quanto pare sarebbe anche in grado di sostituirsi alla leggi dello Stato, assumendosi responsabilità che esisterebbero solo nella sua mente.

Siamo certi che nella malaugurata ipotesi di un incidente le assicurazioni stipulate per la gestione del Teatro, previste nei vari contratti, avrebbero liquidato il sinistro, tanto avrebbe garantito il nostro Supersindaco uscente.

Ci chiediamo se certe ‘’deroghe’’ vengano concesse anche ai cittadini qualsiasi che vogliono aprire una attività nel Comune di Argenta. Tenete pure aperto anche se non avete i documenti che la legge richiede, tanto ci pansa il nostro taumaturgico, anzi miracoloso Sindaco ad assumersi la responsabilità, in attesa delle certificazioni.

In ultimo fa sorridere anche la seguente frase ‘’potevano darci una mano e velocizzare il raggiungimento di quella soluzione, così come dovrebbe fare una politica che si autoproclama diversa, e invece hanno adottato i metodi più vecchi e retorici che contavamo fossero superati”.

Riteniamo che se non avessimo fatto una ricerca a novembre 2017, il nostro Sindaco non ci avrebbe mai e poi mai informati dell’incresciosa situazione del teatro e nemmeno richiesto di aiutarlo a fare quello che prevede ilo suo ruolo di Amministratore da ormai venti anni.

Forse il sindaco non se ne è accorto, perchè in altre faccende affaccendato, ma sono passati 11 anni da quando il Teatro dei Fluttuanti ha perso l’agibilità.

Saranno coincidenze, ma dopo il nostro ‘’vecchio e retorico’’ esposto alla Procura presentato in febbraio 2018, sono bastati pochi mesi per ‘’risolvere’’ un problema che si stava trascinando durante tutto il decennio targato Fiorentini, a nostro avviso uno dei peggiori che Argenta abbia vissuto dal dopoguerra ad oggi.

M5S Argenta

Riunione attivisti e simpatizzanti – giovedì 11 ottobre

dimaio

Ci troviamo giovedì 11 ottobre alle ore 20.30 presso il Caffè Italia in Via Piazza Garibaldi ad Argenta per la nostra riunione periodica.

In previsione delle prossime elezioni amministrative del 26 maggio 2019, inizia una lunga serie di incontri aperti ad attivisti e simpatizzanti.

Si discuteranno i seguenti punti all’ordine del giorno:

  1. Aggiornamento sulla petizione Piazza Garibaldi;
  2. Aggiornamenti sull’attività dei portavoce in consiglio comunale Luca Bertaccini e Daniele Gulinelli;
  3. Organizzazione gruppi di lavoro per programma elezioni amministrative 2019;
  4. Varie ed eventuali.

Vi aspettiamo numerosi!

Iscrizione albo scrutatori e presidenti di seggio

seggio2

Il 2019 sarà un anno importantissimo per le elezioni comunali ad Argenta e abbiamo bisogno del contributo di tutti!

Ricordiamo che ottobre è il mese in cui si può fare domanda per essere inseriti nei due albi, nello specifico:

  • scrutatori dal 1 Ottobre al 30 Novembre
  • presidenti di seggio dal 1 Ottobre al 31 Ottobre

La domanda può essere presentata SOLO in questo lasso temporale!

Invitiamo tutti gli interessati ad aderire per avere la possibilità di contribuire presidiando e garantendo la correttezza delle operazioni di seggio durante le elezioni.

I moduli e le istruzioni sono presenti sul sito del comune:

Per qualsiasi dubbio non esitate a contattarci o a contattare l’ufficio elettorale del Comune di Argenta allo 0532 330249

NOTA BENE: il compito di scrutatore o presidente di seggio consiste nell’eseguire le operazioni necessarie per far funzionare i seggi elettorali, è retribuito e viene svolto in rappresentanza dello Stato e non di una specifica forza politica. Mentre i rappresentanti delle forze politiche sono i “rappresentanti di lista”, che vengono designati immediatamente prima di ogni elezione, tale compito non è retribuito a differenza dei precedenti e consiste nel mero controllo della correttezza delle operazioni del seggio.

#lascuolaèbella

La scuola è bella… finchè non piove…

Prenditi 50 secondi e guarda cosa è successo nella scuola di Argenta dopo l’acquazzone di questa settimana.

Forse è solo sfortuna perchè è piovuto di lunedì 17?!

Tagga anche tu le foto della tua bella scuola argentana sul web con #lascuolaèbella e mandacele per farci vedere se contano più le parole del nostro Sindaco o i fatti…

PD colabrodo quanto le nostre strade

 

Un anno fa presentammo un’interrogazione (clicca qui per leggerla) nella quale, tra le altre cose, chiedevamo all’Amministrazione se, in virtù dei rapporti intercorrenti con l’allora Governo Gentiloni, avesse intenzione di inviare al Ministro Del Rio una lettera di rimostranza e richiesta di soluzione allo stallo che la legge 56/2014 (meglio nota come Legge del Rio) aveva portato nella gestione dei territori.

Ovviamente, come spesso succede con le nostre proposte, l’idea fu bocciata. Anzi ci fu risposto che l’Amministrazione era impegnata a confrontarsi con tutte le Istituzioni ed enti competenti per conseguire un miglioramento della viabilità sulle strade provinciali del Comune di Argenta.

La collaborazione andò avanti in modo proficuo fino a quando, nell’autunno 2017, il Sindaco concesse un contributo di € 50.000 alla Provincia per l’asfaltatura della S.P. 38 (cardinala per Campotto) che versava in condizioni penose. Quella concessione dimostrò che l’Amministrazione Comunale di Argenta poteva pertanto contribuire alla manutenzione di strade, anche se non di propria competenza e ci rammarichiamo quindi, che tale modalità non sia poi stata attuata per altre strade provinciali dissestate e pericolose.

Nei giorni scorsi siamo rimasti allibiti leggendo sulla stampa della mozione (clicca qui per vederla) presentata dal Consigliere Comunale Luca Simoni per sollecitare il Sindaco affinché chieda al governo “di mettere a disposizione delle Province le risorse finanziarie necessarie per la messa in sicurezza delle strade e dei ponti provinciali che richiedono manutenzione straordinaria”.

Abbiamo anche letto la recentissima e discussa intervista in cui il Sindaco uscente, litigando con il ”bulletto” Marattin per prendere un posto al sole, pare si sia ricordato improvvisamente delle magagne create dal suo partito ed infatti il Sindaco dichiara ”Sta di fatto che oggi le strade fanno pena e questo è uno dei problemi principali dei cittadini e come tale VA RISOLTO SUBITO”.

Pur concordando con le parole di Fiorentini ci chiediamo perché non aderì un anno fa alla nostra proposta di scrivere al Governo Gentiloni per dare più finanziamenti alle province? Perchè il Comune non stanzia ulteriori finanziamenti per sistemare le penose strade che Fiorentini stesso ritiene una priorità per gli Argentani? Perché, infine, prediligere l’estetica sulla sicurezza ed intestardirsi per indebitare il Comune di Argenta per 560.000 € per la riqualificazione della Piazza Garibaldi?

Questa presa di coscienza sull’improvvisa pericolosità di troppe strade è un mistero della fede a cui non possiamo rassegnarci, comunque meglio tardi che mai e siamo sicuri che l’attuale Governo risolverà questo problema creato dal PD….e forse, sotto sotto, anche Fiorentini lo sa…

 

 

WhatsApp Image 2018-09-15 at 14.36.13

Un autunno con il botto!

autunno

La 61° fiera di Argenta si è appena conclusa e con un po’ di rammarico abbandoniamo l’entusiasmo estivo per immergerci nella grigia realtà dell’autunno ormai alle porte. Speriamo almeno di trovare le solide conferme di intrattenimento e svago a cui siamo abituati.

Peccato che la piscina sia chiusa. Abitualmente la struttura era in manutenzione la settimana antecedente la fiera e alla ripresa delle scuole i nostri bimbi erano già pronti ad iniziare i corsi di nuoto. La prossima settimana probabilmente vedremo di iscriverli da qualche altra parte vista l’incertezza della futura gestione.

Peccato che il teatro sia chiuso. Per la fiera di solito venivano promossi gli spettacoli della nuova stagione. Considerato che la gara per la manifesatzione di interesse alla gestione del Teatro scadrà il 21 settembre e che sono ancora in corso i lavori di messa a norma, ci auguriamo di non essere costretti ad andare altrove per goderci un bello spettacolo, dopo che ci eravamo abituati così bene con la ottima gestione degli ultimi due anni.

Peccato che il percorso cicloturistico Po di Primaro sia chiuso. Ci saremmo fatti volentieri un bel giro in bicicletta per mantenerci in forma ma anche questo è ancora in buona parte interdetto per mancata manutenzione.

Peccato che il Museo delle Valli sia chiuso. Una passeggiata rilassante in Valle è quello che ci vuole per ricominciare con la nostra quotidianità. Anche il Museo però è ancora fuori uso quindi ci limiteremo a guardarne da fuori le scolorite vetrofanie.

A quanto pare il ritorno alla quotidianità, non sarà così dolce.

Finite le ferie non ci resta che proiettarci al Natale.

Tuto sommato fra poco (con inizio forse a novembre) avremo un bel cantiere che renderà impossibile passeggiare tranquillamente in centro. Della pista del ghiaccio non ci è dato sapere, di sicuro non sarà più in Piazza Garibaldi.

Appena ci informeranno ve lo faremo sapere.

Forza e coraggio le Amministrative 2019 sono vicine!

Stagione teatrale alle porte…

teatro dei fluttuanti

In data 13 giugno abbiamo depositato un’interrogazione riguardante la gestione del nostro Teatro dei Fluttuanti.

Vi riportiamo in sintesi le nostre principali domande e le risposte che l’Assessore Borea ci ha fornito in occasione del Consiglio Comunale del 31 luglio.

Prima domanda: Il Comune ha stipulato convezioni per la gestione del Teatro dei Fluttuanti con Società e Associazioni dal 2007 fino ad oggi; ovviamente nei contratti era scritto che i locali affidati dal Comune erano pienamente agibili e invece abbiamo appreso quest’anno che non lo erano affatto: l’Amministrazione ritiene sia ammissibile tutto ciò?.

Risposta dell’Assessore: “L’ammissibilità del Sindaco in merito a questo punto è contenuta nell’assunzione di grande responsabilità giustificata dai numerosi e regolari controlli oltre agli interventi di manutenzione straordinaria sostenuti dalla proprietà per far fronte agli obblighi dettati dalle normative vigenti”.

Nostre considerazioni: Non possiamo far altro che complimentarci per i regolari controlli eseguiti in tutti questi anni, controlli talmente minuziosi e puntuali che hanno lasciato una struttura così importante priva di agibilità e con Certificato prevenzione incendi presente, ma lasciato scadere oltre 10 anni fa. La cosa che fa più rabbia è che finora siano stati spesi 220.000 euro per avere comunque una struttura non agibile, senza considerare che il Comune ha dichiarato l’agibilità, nei contratti stipulati con le diverse Società e Associazioni per la gestione delle stagioni teatrali, quando di agibilità non c’era nemmeno l’ombra. Vista l’ennesima “non risposta” ricevuta dall’Assessore Borea, abbiamo deciso di chiedere direttamente l’opinione del Segretario Comunale in merito alla legittimità di tali contratti.

 

Seconda domanda: La copertura del teatro è in cemento-amianto, circa 900 mq di materiale in pieno centro abitato che ha bisogno di essere bonificato e giudicato “scadente” da apposita perizia rilasciata da tecnico abilitato: come intende procedere l’Amministrazione, considerando anche che la valutazione del rischio amianto di questo immobile è stata assente fino a marzo 2018?

Risposta dell’Assessore: “La bonifica dei materiali contenenti amianto è una tema che l’Amministrazione Comunale e Soelia hanno preso in seria considerazione, con atti estremamente concreti come il “protocollo amianto” vigente da più anni nel territorio del Comune di Argenta, esemplificativo per i risultati raggiunti. Per quanto riguarda il Teatro dei Fluttuanti, le due falde di copertura, lato nord-est e lato sud-ovest, realizzate con lastre in cemento amianto, presentano degli aspetti di possibili criticità, che la relazione menzionata e commissionata da Soelia indica di affrontare prevedendo un intervento di bonifica entro un anno. La proprietà sta intervenendo su altre priorità in materia di sicurezza per poi, in accordo con l’Amministrazione Comunale, pianificare nel 2019 un intervento sulla copertura”. L’Assessore ci risponde inoltre che, purtroppo, la valutazione rischio amianto del teatro è mancata a causa di un difetto di comunicazione tra il responsabile della sicurezza e Soelia, ma si è rapidamente corsi ai ripari.

Nostre considerazioni: Giunti a questo punto siamo curiosi di conoscere quali risultati abbia portato in concreto il tanto decantato “protocollo amianto” approvato nel 2016 dal momento che siamo ancora in attesa di avere i Documenti di Valutazione del Rischio (DVR) degli immobili comunali in cui è presente amianto (le scuole per esempio…). Abbiamo già presentato richiesta di accesso agli atti, vi terremo aggiornati sul virtuosissimo ”protocollo amianto”.

 

Terza domanda: Viste le gravi negligenze emerse ed il loro perdurare per un decennio, l’Amministrazione ritiene che l’operato dei Dirigenti responsabili sia soddisfacente ed in linea con le retribuzioni ed i premi di risultato finora erogati nei loro confronti?

Risposta dell’Assessore: “Si, rispondiamo positivamente a questa domanda. Si, a fronte delle responsabilità assunte durante tutti questi anni e alla non correlazione ai tanti adempimenti che una struttura con tali finalità deve soddisfare in tema di agibilità e sicurezza”.

Nostre considerazioni: Lasciamo a ciascuno l’interpretazione che più ritiene appropriata. A noi fa un po’ sorridere che Dirigenti lautamente pagati abbiano trascurato il tema dell’agibilità di un immobile così importante come il Teatro dei Fluttuanti per oltre un decennio. Inoltre, come abbiamo detto in Consiglio Comunale, un Sindaco deve assumersi la responsabilità di rispettare le leggi, non di interpretarle a piacimento, anzi deve essere il primo a dimostrare di rispettare visto che ne chiede l’osservanza ai suoi cittadini.

Comunque, considerato quanto abbiamo appreso per ostelli ed Ecomuseo, forse non c’è nulla di cui stupirsi.

 

Così, mentre anche agosto sta finendo, rimaniamo in attesa dell’agibilità del Teatro dei Fluttuanti che finalmente dovrebbe essere imminente considerando che per la Fiera di settembre sono in previsione eventi e che l’inizio della nuova stagione teatrale è ormai prossimo.

Questione di promesse…

Ricordate cosa prometteva il Vice Sindaco sui ponti pericolanti in Via Mantello e Via Argine Circondario Pioppa II a Filo?

Li avrebbero ricostruiti entro la primavera del 2018 in modo da consentire agli agricoltori di transitare in tutta sicurezza ed evitare di dover percorrere diversi chilometri per raggiungere i loro fondi attraverso percorsi alternativi.

Siccome ci piace controllare le promesse dei nostri Amministratori siamo andati a controllare la situazione.
Quello che ci siamo trovati dinanzi è stato uno spettacolo a dir poco raccapricciante.

Transenne divelte e lasciate a bordo strada e mezzi agricoli che transitano liberamente sui ponti giudicati pericolanti e per questo motivo interdetti al traffico con un’ordinanza del Sindaco nel 06/10/2017 tra l’altro non ancora revocata.
C’è da dire che il comune di Argenta aveva fatto molte cose per rispettare quanto promesso, infatti con DGC 249 del 21/12/2017 veniva approvato il progetto definitivo ed esecutivo per procedere ai lavori di rifacimento dei ponti suindicati.
Poi però rinvio dopo rinvio si è arrivati alla data odierna con un nulla di fatto e una situazione allarmante di potenziale pericolo.

Visto che in questo caso l’amministrazione, solita a vantarsi dei successi, si è ben guardata dal dare risalto all’insuccesso, abbiamo deciso di ”vantarci” noi con il Prefetto, segnalando quello che i nostri Amministratori sono capaci di fare.

L’ordinanza prevedeva che l’inibizione al traffico sui ponti avrebbe dovuto essere totale e le strutture/ostacoli costituenti gli impedimenti, dovevano essere collocate in forma stabile ed inamovibile al fine di isolare completamente i ponti.

Inoltre il Corpo di Polizia Municipale Locale Unione “Valli e Delizie” e gli agenti tutti della Forza Pubblica sono stati incaricati della sorveglianza in merito all’osservanza di quanto disposto dal Sindaco.

Risulta molto difficile pensare che due pannelli di grigliato ed un po’ di rete arancione, costituiscano ostacoli inamovibili, come risulta molto difficile pensare che la situazione che abbiamo riscontrato sia recente. Molto più facile pensare che gli agricoltori abbiano usato le strutture sin dall’inizio della stagiona agricola.

Chi doveva controllare?

Un altro grande successo della nostra Amministrazione PD.

slide_ponti.pub

slide_ponti.pub

Piazza: al via la raccolta firme!

firme

Conoscete già qual è la nostra posizione sul progetto della nuova piazza.

Sapete anche che il 31 luglio, in occasione dell’ultimo Consiglio Comunale, abbiamo presentato un emendamento al fine di eliminare dal D.U.P. (Documento Unico di Programmazione) e dal Bilancio di Previsione 2018-2020 la voce di spesa di 561.510,16 €.

Continuiamo a ritenere che sia irresponsabile ricorrere ad un mutuo per finanziare un apparente intervento di riqualificazione del centro di Argenta, quando le medesime risorse potrebbero essere destinate ad interventi ben più urgenti di messa in sicurezza di strade, ponti pericolanti o immobili non a norma.

Lo abbiamo ribadito con forza in Consiglio Comunale ma il nostro emendamento è stato comunque bocciato.

Vista l’ostinazione con la quale l’amministrazione Fiorentini continua nel suo discutibile intento è nato quindi un dialogo congiunto tra tutte le forze di opposizione (M5S, ARGENTA RINNOVAMENTO, FORZA ITALIA e FRATELLI D’ITALIA) da cui ne è scaturito l’intento di intraprendere una raccolta firme per presentare una Petizione al Sindaco di Argenta come previsto dallo Statuto comunale.

I gruppi proponenti infatti ritengono che solo informando correttamente i cittadini argentani sulle modalità di realizzazione della nuova piazza, ovvero mediante indebitamento delle casse comunali, si possa parlare di vero coinvolgimento della cittadinanza, che invece finora è stata informata solo parzialmente, per non dire tenuta all’oscuro.

Da oggi parte ufficialmente la raccolta firme per chiedere al Sindaco di non realizzare la riqualificazione della piazza, men che meno mediante indebitamento, in quanto esistono ben altre necessità prioritarie.

Tutti i promotori della Petizione saranno impegnati con banchetti in piazza ad Argenta e si recheranno in tutte le frazioni per un coinvolgimento più ampio possibile dei cittadini.

Per vedere il modulo per la raccolta firme clicca qui.

 

1 2 3 4 5 13