La casa di vetro… un po’ opaca…

slide_mozioni.pub

In occasione del Consiglio Comunale del 31 luglio abbiamo presentato una mozione per chiedere l’istituzione del Question Time del Cittadino.

Per leggere la nostra mozione clicca qui.

Lo scopo di questa iniziativa era quello di rendere il cittadino partecipe degli organi delle istituzioni dandogli la possibilità di intervenire attivamente in Consiglio Comunale ponendo domande all’Amministrazione su argomenti di carattere generale, connotati da urgenza o particolare attualità politica, riguardanti comunque problematiche inerenti il territorio comunale e/o aventi influenza sullo stesso. Riteniamo che dare questa possibità alle persone sia un importante segnale di “democrazia amministrativa“.

La nostra proposta prevedeva non più di tre richieste formulate all’Amministrazione a inizio Consiglio Comunale per una durata massima della discussione di circa 30 minuti.

Purtroppo la maggioranza ha bocciato la nostra proposta sostenendo che le occasioni di confronto con la popolazione non mancano affatto e che i numerosi momenti ufficiali di incontro con le Rappresentanze di Partecipazione Cittadina ne sono un esempio.
Noi riteniamo sia altrettanto importante però che la popolazione si riappropri degli organi di governo del nostro Comune e che diventi componente attiva e consapevole delle scelte che compie la nostra Amministrazione.

Un esempio? Negli incontri di aprile dell’Amministrazione tra negozianti e tecnici sul tema della riqualificazione della Piazza Garibaldi era stato detto che l’intervento non avrebbe comportato debiti per il Comune in quanto la propria quota di circa 500.000 sarebbe derivata dagli “incassi del velox”.

Peccato che solo partecipando al recente Consiglio Comunale si sia venuti invece ad apprendere che la parte di cofinanziamento comunale deriverà invece da copertura con mutuo e conseguente indebitamento del Comune (ma questa è un’altra storia di cui vi parleremo in altra sede…).

Insomma un conto sono le parole e le rassicurazioni “da politici” spese nei trebbi e nei consigli di frazione in cui si devono racimolare voti per farvi credere di vivere  nella decantata “casa di vetro” del paese dei balocchi, un conto invece è invitare sempre più cittadini ad assistere e partecipare, anche attivamente ad un Consiglio Comunale.

Ennesima occasione persa, da una delle peggiori giunte comunali mai viste ad Argenta.

Siamo sicuri che la cittadinanza lo stia comprendendo, sempre più ogni giorno che passa.

Risparmio energetico: vogliamo i fatti!

mozione energia argenta

Molto in sintesi per i non addetti ai lavori.

Per la manutenzione degli immobili di proprietà del Comune esiste un contratto con Soelia. Nel 2016 è stato rinnovato per una sola annualità giustificandolo con la necessità di giungere ad un contratto che contenesse un programma di “gestione calore con efficientamento energetico degli immobili” anche al fine di accedere a fonti di finanziamento dedicate.

Fin qui tutto lodevole, peccato che nel 2017 è stato sottoscritto con Soelia un nuovo contratto di gestione immobili avente durata di 6 anni che non conteneva alcuna traccia degli annunciati interventi di efficientamento energetico sul patrimonio edilizio pubblico.

Ci siamo poi tranquillizzati quando ci è stato detto che le buone intenzioni non erano sfumate e che era stato affidato un incarico di consulenza all’Agenzia per l’Energia di Modena e che Soelia aveva commissionato ben 13 diagnosi energetiche su edifici pubblici propedeutiche alla redazione del nuovo contratto energia.

Nel frattempo Soelia otteneva la certificazione di ESCo (Energy Service Company), riconoscimento indispensabile per poter operare nel campo della riqualificazione energetica, e l’Amministrazione si vantava di aver inserito tra le azioni del Patto dei Sindaci l’obbiettivo di effcientamento energetico del patrimonio immobiliare pubblico.

Sono trascorsi 2 anni, il Comune ha aumentato il proprio personale del Settore Opere Pubbliche con l’assunzione di nuovo dirigente, tre figure tecniche ed una amministrativa, ma del fantomatico contratto nemmeno l’ombra.

Visto quindi che ci si appresta ad intraprendere l’ultimo inverno di questa Amministrazione abbiamo depositato una mozione per l’attuazione di interventi in materia di risparmio ed efficientamento energetico del patrimonio immobiliare pubblico. La nostra mozione chiede di:

  • rendere operativo, prima dell’inizio della prossima stagione termica, un contratto energia specifico per gli immobili pubblici che veda Soelia operare concretamente come ESCo;
  • formare ed investire nel ruolo di ricerca di finanziamenti specifici nel settore del risparmio energetico (es. POR-FESR Emilia Romagna 2014-2020 Asse 4) parte del personale del Settore Opere Pubbliche del Comune.

Per leggere la nostra mozione clicca qui.

Volete sapere come è finita?

In occasione del Consiglio Comunale del 25 giugno la nostra mozione è stata respinta. Condivisibili i contenuti sì… ma per i consiglieri di maggioranza sono troppo lungimiranti le tempistiche proposte.

La maggioranza continua a rinviare la predisposizione del contratto energia che aveva promesso. Anche per questa stagione termica, salterà la possibilità di risparmiare sui conti pubblici.
Nel frattempo però il sindaco e il suo partito si fanno belli sulla stampa e sulla rivista comunale “A”, decantando la loro bravura. Non basta fare i “trebbi” tra i cittadini raccontando solo quello che fa comodo, bisogna passare ai fatti e la giunta Fiorentini è fin troppo lacunosa da questo punto di vista.

24/10/2017 – Mozione per la realizzazione di colonnine di ricarica di veicoli elettrici

C:UsersFISSOAppDataLocalTempmso2809.tmp

In data 24/10/2017 abbiamo presentato una mozione volta ad incentivare la mobilità elettrica sul territorio. Nel dettaglio le nostre proposte prevedevano:

  • la graduale sostituzione dei veicoli obsoleti della Pubblica Amministrazione con veicoli elettrici al momento della loro sostituzione;
  • la creazione di una rete di colonnine elettriche in Argenta e frazioni grazie al coinvolgimento della propria multiservizi ed il gestore della rete elettrica;
  • l’organizzazione di serate informative per favorire la diffusione della cultura della mobilità elettrica prevedendo anche l’esposizione di veicoli elettrici durante gli eventi fieristici;
  • l’organizzazione di incontri sulla mobilità elettrica negli Istituti di Istruzione Secondaria Superiore;
  • la sensibilizzazione della cittadinanza sui vantaggi della mobilità elettrica attraverso i propri canali di comunicazione.

Purtroppo la nostra mozione è stata respinta con DCC n.77 del 24/10/2017. E’ stata giudicata “prematura” e “troppo avventata”, così qualche mese dopo è stata convocata una Commissione Ambiente per discutere dell’iniziativa.

In quell’occasione abbiamo presentato il progetto del Centro per le Comunità Solari, associazione privata senza scopo di lucro, spin-off del Dipartimento di Chimica Industriale “Toso Montanari” dell’Università di Bologna, fondato nel 2015 dalle ricerche del prof. Leonardo Setti nell’ambito della pianificazione energetica comunale. Abbiamo contattato il prof. Setti e ci siamo fatti illustrare il progetto Charge & Go per la creazione di un’autostrada delle città solari.

Il progetto nasce dal concetto di autostrada intesa come punto di collegamento tra realtà diverse e prende forma come rete di attività e servizi a sostegno del territorio e di una mobilità sostenibile. I punti di ricarica delle auto elettriche diventeranno così una grande opportunità per creare nuovi servizi e per valorizzare il territorio.
Chiunque potrà diventare un punto di ricarica dornendo agli utenti nuovi servizi per piacevoli momenti di sosta con cui scoprire le bellezze dei luoghi e dei loro prodotti tipici.
La prima autostrada unirà le nuove stazioni di servizio previste nei cantieri delle Città Solari per far nascere un nuovo modello del consumo e di gestione delle risorse nel rispetto dell’Ambiente e dell’Uomo.

Insomma… non colonnine piazzate a caso sul territorio che mai verranno utilizzate ma la creazione di un vero e proprio percorso virtuoso di coinvolgimento delle attività commerciali e della cittadinanza argentana per incentivare realmente la mobilità elettrica.

Aspettiamo fiduciosi che l’Amministrazione colga il nostro suggerimento.

Nel frattempo cogliamo l’occasione anche per segnalare che il 14 marzo l’Assemblea Legislativa della regione Emilia Romagna ha approvato all’unanimità una risoluzione presentata dal consigliere regionale Andrea Bertani che propone la creazione di un fondo regionale per la incentivazione alla mobilità elettrica consistente sia nell’individuazione di contributi per l’acquisto di auto elettriche, sia per la diffusione della rete di ricarica delle stesse, documento votato da tutte le forze politiche presenti in aula. Anche questi sono segnali concreti!

 

24/11/2015 – Mozione per fronteggiare la criminalità

C:UsersFISSOAppDataLocalTempmso4A1C.tmp

In data 24/11/2015 abbiamo presentato una mozione per chiedere a Sindaco e Giunta di sospendere l’impiego di personale della Polizia Municipale per il controllo del traffico con autovelox per impegnare completamente tutte le risorse umane disponibili a favore della sicurezza del cittadino mediante costante pattugliamento del territorio.

Il Consiglio Comunale di Argenta con DCC n. 85 del 28/11/2015 ha RESPINTO la nostra mozione.

Per leggere la nostra mozione clicca qui.

07/09/2015 – Mozione per l’introduzione del Bilancio partecipativo

bilancio partecipativo argenta

In data 01/09/2015 abbiamo presentato una mozione per chiedere a Sindaco e Giunta l’impegno a definire, mediante apposita Commissione competente, un Regolamento Comunale che disciplini la sperimentazione del processo di partecipazione cittadina alle decisioni in materia di programmazione economico-finanziarie e di bilancio.

Il Consiglio Comunale di Argenta con DCC n.56 del 07/09/2015 ha RESPINTO la nostra mozione ritenedola un’inutile appesantimento burocratico rispetto a quanto già in essere con le Rappresentanze di Partecipazione Cittadina (RPC).

Per leggere la nostra mozione clicca qui.

 

20/07/2015 – Mozione per l’adesione all’iniziativa “Rifiuti Zero”

rifiuti argenta

In data 20/07/2015 abbiamo presentato una mozione per impegnare Sindaco e Giunta ad aderire ed intraprendere il percorso verso il traguardo dei “Rifiuti Zero” seguendo le seguenti strategie:

  • separazione alla fonte dei rifiuti;
  • raccolta porta a porta;
  • realizzazione di un sistema di compostaggio locale;
  • realizzazione di piattaforme impiantistiche per il riciclaggio dei materiali ed il loro reinserimento nella filiera produttiva;
  • riduzione della produzione di rifiuti (compostaggiodomestico, stoviglie riutilizzabili nelle scuole ecc.);
  • realizzazione di centri per riuso e riparazione dei rifiuti;
  • tariffazione puntuale;
  • recupero dei rifiuti sfuggiti dalla raccolta differenziata;
  • creazione di un centro di ricerca e riprogettazione;
  • potenziamento della comunicazione ed informazione alla cittadinanza.

Durante il Consiglio Comunale del 27/07/2015, la maggioranza dei consiglieri si è espressa a favore di alcune proposte e ci ha chiesto di ritirarla in attesa di poter “sviscerare” alcune questioni con maggior calma ed attenzione. Abbiamo così deciso di ritirarla nella speranza di poter costruire insieme un percorso virtuoso finalizzato ad attuare alcune delle proposte contenute nella nostra mozione.

Ad oggi il risultato è che l’Amministrazione ha intrapreso la scelta dei cassonetti con calotta senza interpellarci in alcun modo. Scelta che noi non condividiamo.

Per leggere la nostra mozione clicca qui.

Per conoscere la discussione intrapresa in Consiglio leggi il verbale di deliberazione del Consiglio Comunale n.46 del 27/07/2015.

Noi però non molliamo… leggi la nostra interrogazione sul tema rifiuti e segui la discussione avviata in Commissione Ambiente.

20/07/2015 – Mozione per l’introduzione del Baratto Amministrativo

baratto amministrativo argenta

In data 20/07/2015 abbiamo presentato una mozione per impegnare Giunta e Consiglio ad introdurre lo strumento del Baratto Amministrativo quale strumento che possa tramutare gli importi dovuti all’Amministrazione con servizi alla collettività (es. manutenzione ordinaria, pulizia e vigilanza parchi e giardini, assistenza alle scolaresche, sgombero neve ecc.).

Il Consiglio Comunale di Argenta con DCC n. 45 del 27/07/2015 ha RESPINTO la nostra mozione.

Per leggere la nostra mozione clicca qui.

28/03/2015 – Mozione per la mappattura dell’Eternit in Comune di Argenta

amianto argenta

In data 23/03/2015 abbiamo presentato una mozione per l’esecuzione di una mappatura dettagliata dei siti e degli edifici pubblici e privati in cui è presente amianto o cemento-amianto e per la successiva pianificazione ed adozione di provvedimenti per la rimozione di tali materiali in primis attraverso la creazione di un registro dell’amianto che risponda ai requisiti indicati dalle direttive regionali e che aderisca ai criteri di ufficialità, rigorosità e trasparenza.

Il Consiglio Comunale con DCC n.7 del 28/03/2015 ha RESPINTO la nostra mozione alludendo a motivazioni legate alla difficoltà tecnica di mappare le coperture private.

Preso atto della motivazione ci chiediamo se almeno la mappatura delle coperture pubbliche con amianto sia nota all’Amministrazione

Per leggere la nostra mozione clicca qui.

 

 

20/12/2014 – Mozione per il miglioramento delle condizioni di Pubblica Sicurezza

C:UsersFISSOAppDataLocalTempmsoC01E.tmp

In data 20/12/2014 abbiamo presentato una mozione per il miglioramento delle condizioni di Pubblica Sicurezza all’interno del Comune di Argenta che in sintesi prevedeva:

  1. la collaborazione tra tutte le forze di polizia, locali e statali, per la formazione di un nucleo interforze finalizzato all’indagine di polizia giudiziaria per la repressione dei reati;
  2. la creazione di un nucleo di Polizia Municipale che lavori solo in abiti civili per pattugliare il territorio per la repressione di furti e rapine;
  3. la realizzazione di un sistema integrato di telecontrollo pubblico e privato per la videosorveglianza del territorio;
  4. lo studio di un progetto che veda impegnate le realtà associative del territorio con funzione di osservatori ed informatori occasionali per la vigilanza del territorio.

Il Consiglio Comunale di Argenta con DCC n. 110 del 20/12/2014 ha RESPINTO la nostra mozione.

Per leggere la nostra mozione clicca qui.