L’Ospedale Mazzolani-Vandini torna ad interessare ai vertici Regionali

ospedale

Già a Maggio il tema dell’ospedale di Argenta era salito alla ribalta per via del rientro presso l’ospedale di Cona dell’anestesista con conseguente drastica diminuzione della attività operatoria.

L’allora amministrazione Fiorentini in piena campagna elettorale, cercò ovviamente di tranquillizzare la cittadinanza indicando soluzioni rivelatesi poi infondate. Infatti le chiacchiere di una riduzione delle attività ospedaliere argentane si sono dimostrate più che mai concrete, tanto che un mese più tardi è arrivata la doccia fredda della chiusura dell’ortopedia, reparto di eccellenza del nostro ospedale.

Come sempre abbiamo assistito a tante chiacchiere e molte proteste, soprattutto sui social, ma nulla di concreto, ad eccezione dell’intervento diretto sul Presidente della Regione Emilia Romagna da parte della Consigliera Regionale M5S Raffaella Sensoli, come sempre molto attenta alle vicende del territorio Argentano, la quale tramite una interrogazione presentata a fine giugno, ha sollecitato i vertici regionali a dare risposte concrete ai cittadini  argentani.

Nell’intervento della Sensoli, informata dal Consigliere Comunale Luca Bertaccini si legge :

Da qualche giorno la direzione dell’ospedale ha disposto, pare per carenza di medici ortopedici, la sospensione dell’attività ortopedica-traumatologia d’emergenza in sala operatoria e la degenza di ortopedia in pratica ogni ricovero disposto è indirizzato all’ospedale di Cona, una decisione dietro la quale sembra esserci una chiara volontà di accentramento verso l’ospedale di Cona e il conseguente depotenziamento di quello di Argenta’’.

La richiesta della Portavoce Regionale del M5S, ha incalzato Bonaccini, il quale ai primi di luglio, insieme all’Assessore Venturi, ha dichiarato che la sospensione estiva dell’attività di chirurgia e degenza ortopedica da parte dell’Azienda sanitaria non mette assolutamente in dubbio il reparto dell’ospedale di Argenta che a settembre riaprirà regolarmente.

Visto che di false promesse in politica, soprattutto in campagna elettorale, non è mai morto nessuno… ci aspettiamo che il neo Sindaco Baldini, dopo aver dichiarato di non essere stato messo al corrente della chiusura estiva, si faccia carico di far rispettare le promesse all’attuale presidente della Regione.

Un obiettivo che non vede colori di partito ma solamente il bene per la nostra collettività.

Luca Bertaccini

M5S Argenta

Amministrative 2019 – vincitori e perdenti

antonio

Immagino la delusione degli esponenti del cdx sconfitto per pochissimi voti al ballottaggio di domenica 9 giugno, ma non posso tollerare che anziché fare una sana autocritica attribuiscano, alla mia persona ed al gruppo che rappresento, le cause della loro sconfitta.

Alcuni di loro hanno addirittura dimezzato i voti rispetto al 2014 e si permettono di additare il M5S come causa dell’ennesima cocente sconfitta dopo venti anni trascorsi circumnavigando il panorama politico passando da sinistra, centro e infine destra, nel tentativo di rendersi credibili come alternativa al Partito Unico.

Noi siamo quelli non esperti, ma mi sento di dare un consiglio spassionato a chi naviga in politica da 20 anni: prima di attribuire le colpe della propria sconfitta a cause esterne, sarebbe il caso di riflettere sul perché il proprio progetto politico, non abbia convinto anche una minima percentuale dei 6.788 elettori  astenutisi dal recarsi ai seggi.

Per quanto riguarda ipotetici “tradimenti” rispetto la coalizione del cdx, ribadisco che gli unici accordi che abbiamo preso sono quelli verso il nostro elettorato e che spettava al loro Candidato Sindaco convincere con argomenti e proposte ciascun cittadino che aveva votato per il M5S al primo turno.

La scelta del cdx e csx non è andata oltre un paio di articoli, alquanto stucchevoli, nei quali si dichiarava un generico impegno a portare avanti le nostre battaglie e nulla più. Se i Candidati Sindaco al ballottaggio si aspettavano che potesse bastare scrivere un articolo per definire un eventuale progetto politico condiviso, credo che avranno imparato che il M5S non è abituato ad improvvisare percorsi raffazzonati, basati su una chiacchierata di un paio d’ore e nulla più.

Nel motto #cambiargenta era sottinteso… “in meglio”… perciò nel pieno rispetto della Costituzione e  dei valori del M5S i nostri elettori sono stati lasciati liberi di scegliere.

Come Candidato Sindaco ho scelto di non votare per nessuno dei due miei avversari, perché ritengo che il progetto politico del M5S sia ancora il migliore rispetto a quello degli altri. Non ha alcun senso che il Candidato Sindaco di un partito perdente al primo turno, si rechi a votare al ballottaggio per un altro Candidato, a maggior ragione visto che non si è mai parlato di apparentamenti o poltrone.
Si è chiusa una delle peggiori campagne elettorali che Argenta abbia mai vissuto……adesso chi ha vinto (ed anche chi ha perso) deve mantenere le promesse fatte….Noi ci saremo sempre.

P.S.: A sostegno di quanto affermo ecco qualche dato inconfutabile: analizzando i numeri si può vedere come l’affluenza abbia decretato la vera sconfitta del cdx, infatti mentre al primo turno avevano votato 12.225 elettori con un’affluenza pari al 70%, al ballottaggio, vera ultima spiaggia per cambiare Argenta, i cittadini ai seggi sono stati solo 10.725 con un’affluenza del 61,24%. Non sono poche 1.500 persone che hanno deciso di non votare. Aggiungendosi ai 5.286 astenuti del primo turno raggiungono la ragguardevole cifra di 6.786 persone che non hanno ritenuto valida l’alternativa al partito unico.

Proseguendo nell’analisi si può notare come il candidato del csx sia passato da 5500 voti a 5.287 (pari al 50,17%), mentre quello del cdx abbia visto aumentare i suoi consensi da 4.700 a 5.252 (pari al 49,83%). Dato non trascurabile sono le schede nulle o bianche pari a 352 al primo turno e che al ballottaggio sono scese fino a 183.

Ing. Luca Bertaccini

Mobilità sostenibile… c’è chi ne parla solamente e chi invece vuole realizzarla

mobilità

Con la norma Fraccaro sono stati assegnati contributi in favore dei Comuni per la realizzazione di progetti relativi a investimenti nel campo dell’efficientamento energetico e dello sviluppo territoriale sostenibile. Al Comune di Argenta spettano quindi 130.000 € come contributo a fondo perduto a condizione che i lavori vengano avviati entro il 31 ottobre 2019, pena la decadenza dell’incentivo.

I fondi sono destinati ad opere di efficientamento energetico, quali interventi di illuminazione pubblica, di risparmio energetico degli edifici pubblici, di installazione di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili, e di sviluppo territoriale sostenibile, quali interventi per la mobilità sostenibile, l’adeguamento e la messa in sicurezza di scuole ed edifici pubblici, l’abbattimento delle barriere architettoniche.

Una bella occasione quindi che non dobbiamo lasciarci sfuggire!

Vista la disponibilità del Sindaco in campagna elettorale ad attuare i punti del nostro programma, sollecitiamo la neo Amministrazione a concretizzare proposte progettuali che possano essere finanziate con questi fondi. Alcune idee le abbiamo e, con spirito di collaborazione, le proponiamo in quanto coerenti con i reciproci programmi nonchè tecnicamente realizzabili entro l’autunno:

  • realizzazione di colonnine di ricarica elettrica per biciclette in punto strategici del nostro territorio;
  • allestimento di punti attrezzati per bici sharing (rastrelliere, colonnine di manutenzione e scambio bici) in corrispondenza delle stazioni ferroviarie di Argenta e Consandolo e in corrispondenza del Muselo delle Valli e degi ostelli per favorire l’intermodalità e la fruizione turistico/sostenibile del nostro territorio;
  • realizzazione di colonnine di ricarica per autoveicoli riproponendo l’adesione al progetto Charge&Go per la creazione di un’autostrada delle città solari.

Mettiamo da parte le sterili polemiche inconcludenti post elettorali, rimbocchiamoci le maniche e iniziamo a lavorare seriamente per cambiare Argenta sfruttando tutte le possibilità che questo Governo sta dando al nostro territorio.

Attendiamo fiduciosi!

fraccaro_argenta

Come si vota alle elezioni amministrative del 26 maggio

I seggi sono aperti domenica 26 maggio 2019 dalle ore 7 alle 23.

Si vota su una sola scheda, nella quale saranno già riportati i nominativi dei candidati alla carica di sindaco e, sotto ciascuno di essi, il simbolo o i simboli delle liste che li appoggiano.

Tre sono le possibilità di voto:

  1. Si può tracciare un segno solo sul simbolo di una lista, assegnando in tal modo la propria preferenza alla lista contrassegnata e al candidato sindaco da quest’ultima appoggiato.
    voto_lista
  2. Si può tracciare un segno solo sul nome del candidato sindaco, votando così solo per il candidato Sindaco e non per la lista o le liste a quest’ultimo collegate.

    voto3
  3. Si può tracciare un segno sul simbolo di una lista, tracciando contestualmente un segno sul nome di un candidato sindaco non collegato alla lista votata: così facendo si ottiene il cosiddetto “voto disgiunto”.

    voto2

Ogni elettore può altresì esprimere, nelle apposite righe affiancate al simbolo della lista, uno o due voti di preferenza per i consiglieri comunali, scrivendo il cognome di non più di due candidati compresi nella lista da lui votata. Nel caso di espressione di due preferenze, esse devono riguardare candidati di sesso diverso della stessa lista, pena l’annullamento della seconda preferenza.

voto_candidati

È eletto sindaco al primo turno il candidato che ottiene la maggioranza assoluta dei voti validi (almeno il 50% più uno).

Qualora nessun candidato raggiunga tale soglia si tornerà a votare il 9 giugno per scegliere tra i due candidati che al primo turno hanno ottenuto il maggior numero di voti (ballottaggio).

Al secondo turno viene eletto sindaco il candidato che ottiene il maggior numero di voti.

Fare impresa con l’Europa – venerdì 24 maggio

Continuano le iniziative del M5S di Argenta sul tema del sostegno alle Imprese del territorio.
Ripetiamo l’esperienza del 15 febbriaioo scorso, grazie alla disponibilità dei relatori:

  • Marco Zullo – Eurodeputato EFDD/M5S, Commissione Mercato Interno e tutela dei Consumatori – canddidato all’Europarlamento per il 26 maggio 2019;
  • Giulia Lazzaretti – Traduttrice ed europrogettista in gare d’appalto UE

Obbiettivo dell’incontro è quello di fornire utili informazioni sulle numerose opportunità di accesso alle politiche europee di sviluppo ed incentivazione allo sviluppo ed alla crescita.
L’Italia è l’unico Paese in cui non si riesce ad usufruire di moltissimi dei fondi erogati dalla comunità Europea anche perché, agli imprenditori, non viene spiegato come potervi accedere.
Sono invitate tutte le associazioni di categoria di Bologna, Ferrara e Ravenna, e le imprese del territorio argentano.

L’appuntamento è per venerdì 24 alle ore 18.00 presso l’Hotel Villa Reale ad Argenta

 

PMI_def.

Promesse elettorali… parte3 (turismo)

5 anni fa il programma elettorale del PD puntava alle nostre Valli come volano di sviluppo turistico ed economico per il territorio argentano. Quante volte, in occasione di convegni o manifestazioni, abbiamo sentito i nostri amministratori lodare le incredibili potenzialità ricettive delle valli, dei musei e degli itinerari cicloturistici come il Po di Primaro?

A distanza di 5 anni quali sono i rultati delle mirabolanti politiche di rilancio dell’Amministrazione vigente (clicca qui)?

Le settimane passate ci siamo fatti un giretto per l’oasi di Campotto e lo scenario che abbiamo filmato è stato alquanto desolante…

 

Per evitare di essere affrettati nei giudizi abbiamo quindi chiesto conto dei numeri relativi alle presenze turistiche sul territorio. Lasciamo a voi l’interpretazione dei grafici che seguono, che mostrano le presenze di turisti dal 2005 al 2018 presso il Museo delle Valli e presso l’Oasi. Tralasciamo di mostrarvi i dati relativi ai flussi presso gli ostelli (clicca qui) in quanto dal 2017 ad oggi si è assistito a malapena alla registrazione di 710 presenze presso la struttura di Campotto.

turisti_museo

turisti_oasi

Dopo tutto questo tempo (ormai 10 dal primo mandato dell’uscente Sindaco Fiorentini)… è abbastanza chiaro come le belle parole contenute nel programma elettorale PD non abbiano avuto alcun seguito. Con fondata certezza possiamo anche dire che di finanziamenti pubblici, per il rilancio della nostra valle, non se n’è vista l’ombra!

Noi siamo convinti che il vero “oro d’Argenta” sia proprio il nostro splendido territorio e su questo puntiamo con fermezza e convinzione il nostro programma!

Per saperne di più leggi il nostro programma (clicca qui)!

Non ci accontentiamo più di false promesse… e voi?

il 26 Maggio #CAMBIARGENTA insieme a noi!

TURISMO

 

Ambiente & Agricoltura – mercoledì 22 maggio

Il futuro dei nostri territori, da sempre a vocazione agricola, dipende dalle scelte che facciamo.

Dobbiamo investire risorse e competenze nelle produzioni di qualità e tutelare i terreni da speculazioni che li possono solo danneggiare e depauperare.

Ne parliamo mercoledì 22 maggio alle ore 20.30 a Bando con Alberto Zolezzi Deputato membro delle Commissioni Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici e di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e Andrea Bertani Consigliere Regionale.

#cambiargenta……insieme a Noi

 

fanghi3

 

 

Acque interne, pesca e turismo ambientale – sabato 18 maggio

Con questa iniziativa, vogliamo affrontare le problematiche che coinvolgono le nostre acque interne, dall’inquinamento al bracconaggio ittico e proporre idee e proposte, per consentire di rilanciare e valorizzare il nostro ”Oro di Argenta”, in modo da renderlo meta del turismo ambientale e piscatorio.

Ne parliamo sabato 18 maggio alle ore 16.00 al Museo delle Valli con Michele Valeriani Commissione Nazionale per lo Sviluppo della Pesca Ricreativa FIPSAS e Luca Bertaccini Candidato Sindaco M5S Argenta.

#cambiargenta…..insieme a Noi!pesca5

Variante SS16 – Le ‘’verità’’ del Sindaco di Argenta

toninelli

È stato svelato l’arcano mistero sul rallentamento della realizzazione della tanto attesa variante della SS16 il quale è da imputarsi alle richieste del Sindaco di Argenta che ha voluto richiedere la realizzazione di uno svincolo non previsto nel progetto, in corrispondenza del passaggio a livello della Via Morari di San Biagio.

Ma partiamo dall’inizio della storia: da mesi il Sindaco uscente Antonio Fiorentini sostiene, in ogni occasione, che il M5S locale si stia adoperando per impedire la realizzazione della variante SS16 nel tratto da Argenta a San Biagio.
Lo stesso Sindaco a mezzo stampa continua a dichiarare che avremmo a tale scopo, coinvolto il Ministro Danilo Toninelli, al fine di bloccare gli iter autorizzativi.

Le sue affermazioni si sono dimostrate, ancora una volta, quanto di meno rispondente alla realtà oggettiva dei fatti, avendo noi sempre sostenuto l’importanza dell’opera, attesa da ormai trent’anni, e la necessità di attuarla.

Il nostro impegno ha sempre avuto come scopo quello di portare a compimento quest’opera e a conferma di ciò i consiglieri comunali Luca Bertaccini (Candidato Sindaco) e Daniele Gulinelli, insieme ad Andrea Bertani Consigliere Regionale, si sono recati, nella giornata del 09 maggio, presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, in modo da chiedere al Sottosegretario Michele Dell’Orco e ai funzionari del Ministero, aggiornamenti sull’iter.

La disponibilità dei funzionari ministeriali è stata molto utile perché abbiamo potuto apprendere le reali motivazioni dello scostamento dei tempi. Nella scheda consegnataci è infatti scritto che il rallentamento è legato alla “Condivisione con il Comune della soluzione progettuale a seguito sviluppo alternative. E’ pertanto necessario un incremento dei tempi per il completamento della progettazione e iter autorizzativo completo, con i doverosi passaggi al Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, alla Conferenza di Servizi (Regione), ed alla Valutazione di Incidenza Ambientale. Tutto ciò comporterà quindi uno slittamento dei tempi che presumibilmente porteranno l’appalto nel secondo semestre del 2021”.

Purtroppo non stupisce che il PD locale abbia strumentalizzato la situazione, addossando colpe inesistenti al M5S sia locale che Nazionale, nella figura del Ministro Danilo Toninelli. In virtù del fatto che mai il Sindaco è stato in grado di produrre prove della famosa “letterina” da noi scritta, ed a tutti gli effetti inesistente, ma, soprattutto, dopo aver appreso al Ministero che le cause del ritardo sono da imputarsi al Sindaco uscente, abbiamo ora gli estremi per eventuali azioni che intenderemo intraprendere.

Dal “partito unico” che ha amministrato i nostri territori per 75 anni ininterrotti non ci aspettiamo più nulla di diverso, ecco perché sosteniamo fermamente che il 26 maggio avremo l’occasione di cambiare veramente Argenta e non possiamo sprecarla.

#cambiargenta….insieme a Noi

Promesse elettorali… parte 2 (energia)

lamp

Il programma del PD per le elezioni amministrative del 2014 sembrava davvero fantastico.

Con il Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile (PAES) da poco approvato dall’Unione dei Comuni Valli e Delizie, c’erano i presupposti per fare grandi cose.

Il programma narrava di mirabolanti progetti tra cui la redazione di un piano energetico comunale dettagliato per la riqualificazione energetica, la sperimentazione di un progetto di borgo ecologico a bassi consumi energetici, nonchè di un progetto “Esco-Economy” fondato tra la mediazione di istituti di credito e privati per realizzare progetti di riqualificazione energetica con l’obiettivo di coinvolgere l’intero mondo dell’edilizia.

Tutto sommato la Giunta Fiorentini era partita con il piede giusto, addirittura nominando un assessore con la delega al Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile!

Poi? Cosa è successo?

Il nulla assoluto.

Il PAES è rimasto a prendere polvere nei cassetti per ben 5 anni.

Abbiamo ricevuto dei finanziamenti pubblici per incaricare una società di consulenza che lo ha redatto, poi successivamente aggiornato… ma di fatto non ha avuto alcun risvolto concreto.

Sportello energia, casa dell’acqua o del latte, contratto calore ed energia per gli immobili pubblici, incentivazione delle fonti rinnovabili… sono rimasti un vero miraggio.

Per rinfrescare la memoria ricordiamo che a giugno 2018 abbiamo depositato, come gruppo consiliare, una mozione per pungolare la giunta sul tema dell’efficienza energetica (clicca qui per leggerla).

Abbiamo chiesto di attuare di interventi in materia di risparmio ed efficientamento energetico del patrimonio immobiliare pubblico, in particolare sollecitando di:

  • rendere operativo, prima dell’inizio della  stagione termica 2018/2019, un contratto energia specifico per gli immobili pubblici che potesse individuare Soelia come ESCo;
  • formare ed investire nel ruolo di ricerca di finanziamenti specifici nel settore del risparmio energetico (es. POR-FESR Emilia Romagna 2014-2020 Asse 4) parte del personale del Settore Opere Pubbliche del Comune nel frattempo raddoppiato.

Ovviamente i nostri obiettivi erano troppo lungimiranti: mozione respinta e buoni propositi in fumo.

Nel frattempo l’Unione, dall’alto delle sua efficienza ed economicità, ha recentemente affidato l’ennesimo incarico da circa 3.000 € ad una società di consulenza per aggiornare i risultati di un PAES sepolto nel dimenticatoio assoluto anche da parte della nostra Amministrazione.

A questo punto… speriamo che almeno gli elettori possano condividere i nostri obiettivi e che ci diano fiducia con il voto del 26 maggio.

Apri gli occhi… #CAMBIARGENTA!

 

slide_programma.pub

 

1 2 3 20