Mozione per la realizzazione di un presidio h24 dei Carabinieri per l’espletamento delle emergenze

slide_mozioni_280

Il Consiglio Comunale nella seduta del 30 settembre ha approvato la nostra mozione per la realizzazione di un presidio h24 dei Carabinieri per poter affrontare le situazione di emergenza sul territorio.

La mozione che abbiamo depositato impegna l’Amministrazione a valutare gli immobili di proprietà pubblica onde garantire ai Carabinieri la sede idonea ed in luogo centrale ed adeguato con l’abbattimento delle barriere architettoniche o, qualora l’esito di tale verifica fosse negativo, di promuovere accordi con privati per l’identificazione di sedi ad hoc.

Il Sindaco e la maggioranza hanno accolto favorevolmente il documento, seppur con alcune doverose considerazioni in merito alla necessità di rispettare gli equilibri e le condizioni di copertura dei territori limitrofi.

Si è comunque impegnato a cercare una soluzione attraverso un dialogo con l’Arma dei carabinieri cui di recente è stata accorpata la Forestale in un’ottica di riorganizzazione.

Ci auguriamo che a livello nazionale si proceda spediti per mettere fondi a disposizione dell’Arma in modo da aiutare i carabinieri a svolgere sempre al meglio il loro preziosissimo lavoro.

Piccola nota a margine, ci dispiace solo per l’astensione di Lega ed Argenta Rinnovamento.

In occasione del medesimo Consiglio Comunale abbiamo interrogato l’Amministrazione in merito alle attività previste per fronteggiare la criminalità. Abbiamo quindi chiesto di:

  • Rivisitare l’assetto organizzativo del corpo della Polizia Municipale comprendente un terzo turno dalle 18 alle 24, con la diminuzione degli orari di front office, più vigili in strada e meno sull’autovelox e negli uffici;
  • Erogare contributi per l’installazione di impianti di allarme inferriate e blindature;
  • Istituire la “vigilanza di quartiere” fatta di cittadini formati dalla polizia Municipale e supportati da un apposito regolamento;
  • Installare più telecamere sugli accessi al Mezzano e nei confini dei comuni facenti parte dell’Unione Valli e Delizie per monitorare chi transitasse da quelle strade;
  • Proseguire nell’erogazione di contributi per l’installazione di impianti di allarme e delle inferiate.

Siamo in attesa della risposta e non appena la riceveremo vi terremo informati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *