Variante SS16 – Le ‘’verità’’ del Sindaco di Argenta

toninelli

È stato svelato l’arcano mistero sul rallentamento della realizzazione della tanto attesa variante della SS16 il quale è da imputarsi alle richieste del Sindaco di Argenta che ha voluto richiedere la realizzazione di uno svincolo non previsto nel progetto, in corrispondenza del passaggio a livello della Via Morari di San Biagio.

Ma partiamo dall’inizio della storia: da mesi il Sindaco uscente Antonio Fiorentini sostiene, in ogni occasione, che il M5S locale si stia adoperando per impedire la realizzazione della variante SS16 nel tratto da Argenta a San Biagio.
Lo stesso Sindaco a mezzo stampa continua a dichiarare che avremmo a tale scopo, coinvolto il Ministro Danilo Toninelli, al fine di bloccare gli iter autorizzativi.

Le sue affermazioni si sono dimostrate, ancora una volta, quanto di meno rispondente alla realtà oggettiva dei fatti, avendo noi sempre sostenuto l’importanza dell’opera, attesa da ormai trent’anni, e la necessità di attuarla.

Il nostro impegno ha sempre avuto come scopo quello di portare a compimento quest’opera e a conferma di ciò i consiglieri comunali Luca Bertaccini (Candidato Sindaco) e Daniele Gulinelli, insieme ad Andrea Bertani Consigliere Regionale, si sono recati, nella giornata del 09 maggio, presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, in modo da chiedere al Sottosegretario Michele Dell’Orco e ai funzionari del Ministero, aggiornamenti sull’iter.

La disponibilità dei funzionari ministeriali è stata molto utile perché abbiamo potuto apprendere le reali motivazioni dello scostamento dei tempi. Nella scheda consegnataci è infatti scritto che il rallentamento è legato alla “Condivisione con il Comune della soluzione progettuale a seguito sviluppo alternative. E’ pertanto necessario un incremento dei tempi per il completamento della progettazione e iter autorizzativo completo, con i doverosi passaggi al Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, alla Conferenza di Servizi (Regione), ed alla Valutazione di Incidenza Ambientale. Tutto ciò comporterà quindi uno slittamento dei tempi che presumibilmente porteranno l’appalto nel secondo semestre del 2021”.

Purtroppo non stupisce che il PD locale abbia strumentalizzato la situazione, addossando colpe inesistenti al M5S sia locale che Nazionale, nella figura del Ministro Danilo Toninelli. In virtù del fatto che mai il Sindaco è stato in grado di produrre prove della famosa “letterina” da noi scritta, ed a tutti gli effetti inesistente, ma, soprattutto, dopo aver appreso al Ministero che le cause del ritardo sono da imputarsi al Sindaco uscente, abbiamo ora gli estremi per eventuali azioni che intenderemo intraprendere.

Dal “partito unico” che ha amministrato i nostri territori per 75 anni ininterrotti non ci aspettiamo più nulla di diverso, ecco perché sosteniamo fermamente che il 26 maggio avremo l’occasione di cambiare veramente Argenta e non possiamo sprecarla.

#cambiargenta….insieme a Noi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *