Stagione teatrale alle porte…

teatro dei fluttuanti

In data 13 giugno abbiamo depositato un’interrogazione riguardante la gestione del nostro Teatro dei Fluttuanti.

Vi riportiamo in sintesi le nostre principali domande e le risposte che l’Assessore Borea ci ha fornito in occasione del Consiglio Comunale del 31 luglio.

Prima domanda: Il Comune ha stipulato convezioni per la gestione del Teatro dei Fluttuanti con Società e Associazioni dal 2007 fino ad oggi; ovviamente nei contratti era scritto che i locali affidati dal Comune erano pienamente agibili e invece abbiamo appreso quest’anno che non lo erano affatto: l’Amministrazione ritiene sia ammissibile tutto ciò?.

Risposta dell’Assessore: “L’ammissibilità del Sindaco in merito a questo punto è contenuta nell’assunzione di grande responsabilità giustificata dai numerosi e regolari controlli oltre agli interventi di manutenzione straordinaria sostenuti dalla proprietà per far fronte agli obblighi dettati dalle normative vigenti”.

Nostre considerazioni: Non possiamo far altro che complimentarci per i regolari controlli eseguiti in tutti questi anni, controlli talmente minuziosi e puntuali che hanno lasciato una struttura così importante priva di agibilità e con Certificato prevenzione incendi presente, ma lasciato scadere oltre 10 anni fa. La cosa che fa più rabbia è che finora siano stati spesi 220.000 euro per avere comunque una struttura non agibile, senza considerare che il Comune ha dichiarato l’agibilità, nei contratti stipulati con le diverse Società e Associazioni per la gestione delle stagioni teatrali, quando di agibilità non c’era nemmeno l’ombra. Vista l’ennesima “non risposta” ricevuta dall’Assessore Borea, abbiamo deciso di chiedere direttamente l’opinione del Segretario Comunale in merito alla legittimità di tali contratti.

 

Seconda domanda: La copertura del teatro è in cemento-amianto, circa 900 mq di materiale in pieno centro abitato che ha bisogno di essere bonificato e giudicato “scadente” da apposita perizia rilasciata da tecnico abilitato: come intende procedere l’Amministrazione, considerando anche che la valutazione del rischio amianto di questo immobile è stata assente fino a marzo 2018?

Risposta dell’Assessore: “La bonifica dei materiali contenenti amianto è una tema che l’Amministrazione Comunale e Soelia hanno preso in seria considerazione, con atti estremamente concreti come il “protocollo amianto” vigente da più anni nel territorio del Comune di Argenta, esemplificativo per i risultati raggiunti. Per quanto riguarda il Teatro dei Fluttuanti, le due falde di copertura, lato nord-est e lato sud-ovest, realizzate con lastre in cemento amianto, presentano degli aspetti di possibili criticità, che la relazione menzionata e commissionata da Soelia indica di affrontare prevedendo un intervento di bonifica entro un anno. La proprietà sta intervenendo su altre priorità in materia di sicurezza per poi, in accordo con l’Amministrazione Comunale, pianificare nel 2019 un intervento sulla copertura”. L’Assessore ci risponde inoltre che, purtroppo, la valutazione rischio amianto del teatro è mancata a causa di un difetto di comunicazione tra il responsabile della sicurezza e Soelia, ma si è rapidamente corsi ai ripari.

Nostre considerazioni: Giunti a questo punto siamo curiosi di conoscere quali risultati abbia portato in concreto il tanto decantato “protocollo amianto” approvato nel 2016 dal momento che siamo ancora in attesa di avere i Documenti di Valutazione del Rischio (DVR) degli immobili comunali in cui è presente amianto (le scuole per esempio…). Abbiamo già presentato richiesta di accesso agli atti, vi terremo aggiornati sul virtuosissimo ”protocollo amianto”.

 

Terza domanda: Viste le gravi negligenze emerse ed il loro perdurare per un decennio, l’Amministrazione ritiene che l’operato dei Dirigenti responsabili sia soddisfacente ed in linea con le retribuzioni ed i premi di risultato finora erogati nei loro confronti?

Risposta dell’Assessore: “Si, rispondiamo positivamente a questa domanda. Si, a fronte delle responsabilità assunte durante tutti questi anni e alla non correlazione ai tanti adempimenti che una struttura con tali finalità deve soddisfare in tema di agibilità e sicurezza”.

Nostre considerazioni: Lasciamo a ciascuno l’interpretazione che più ritiene appropriata. A noi fa un po’ sorridere che Dirigenti lautamente pagati abbiano trascurato il tema dell’agibilità di un immobile così importante come il Teatro dei Fluttuanti per oltre un decennio. Inoltre, come abbiamo detto in Consiglio Comunale, un Sindaco deve assumersi la responsabilità di rispettare le leggi, non di interpretarle a piacimento, anzi deve essere il primo a dimostrare di rispettare visto che ne chiede l’osservanza ai suoi cittadini.

Comunque, considerato quanto abbiamo appreso per ostelli ed Ecomuseo, forse non c’è nulla di cui stupirsi.

 

Così, mentre anche agosto sta finendo, rimaniamo in attesa dell’agibilità del Teatro dei Fluttuanti che finalmente dovrebbe essere imminente considerando che per la Fiera di settembre sono in previsione eventi e che l’inizio della nuova stagione teatrale è ormai prossimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *