Ruggiero patate… la saga continua…

patate argenta

La storia di questa vicenda inizia ad essere alquanto ingarbugliata. Per chi si fosse perso le puntate precedenti ricordiamo che in merito al progetto di ampliamento dello stabilimento di lavorazione di patate e cipolle in San Biagio abbiamo presentato:

Successivamente il 15 giugno abbiamo organizzato un incontro nella frazione per raccogliere le osservazioni della cittadinanza. Le abbiamo verbalizzate e trasmesse al Comune accompagnate da un interpellanza in cui in sintesi chiedevamo all’Amministrazione:

  • quali soluzioni previste per risolvere il problema della viabilità a servizio dello stabilimento, magari valutando l’ipotesi di un allargamento stradale esteso a tutta la via Morari;
  • quali soluzioni adottare per tutelare i cittadini residenti dagli eventuali sforamenti dei limiti di emissione rumorosa e dai disagi arrecati dalle emissioni odorigene delle lavorazioni dello stabilimento;
  • valutare la fattibilità di trasferire l’attività nella zona industriale di Argenta.

Per leggere la nostra interpellanza clicca qui.

In data 21/07/2017 l’assessore Sauro Borea ha dato risposta alle nostre richieste e dal documento si evince che la procedura autorizzativa del progetto è andata avanti in questi mesi, presumibilmente con la presentazione di nuovi elaborati che in parte risolverebbero alcune delle criticità segnalate dalla cittadinanza in particolare sotto il profilo del rumore. Le conclusioni che potete trarre leggendo la risposta sono che non è intenzione delocalizzare altrove, in zona urbanisticamente più consona, lo stabilimento in questione e che l’imprenditore ha tutto il diritto di portare avanti il progetto senza che l’Amministrazione possa richiedere oneri di compensazione troppo gravosi per gli interessi del privato.

Visto che evidentemente il procedimento è andato avanti senza che la cittadinanza venisse informata in alcun modo, abbiamo nuovamente depositato una richiesta informazioni.

Per leggere le nostre ultime richieste clicca qui.

Ora stiamo a vedere come continuerà la saga…vi terremo informati sugli sviluppi del procedimento.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *