Mille Miglia e sicurezza sulla SS16

mille_miglia

Forse non tutti se lo ricordano ma un anno fa, sempre in occasione della manifestazione della Mille Miglia, presentammo un’interrogazione in merito al mancato presidio dell’incrocio della Celletta.

A distanza di 12 mesi fioccano ora le “giuste” lamentele del Sindaco in merito alle trasgressioni del Codice della Strada da parte degli automobilisti in gara. A differenza della linea più ”accomodante” adottata durante l’edizione del 2016 quindi, pare che l’Amministrazione abbia intrapreso, almeno a parole, una strada più rigorosa e intransigente, nei confronti della gestione della Manifestazione.

Ancora una volta riscontriamo da parte dei nostri Amministratori delle contraddizioni tra il modo di agire e quello di parlare.

Ci domandiamo infatti quale scopo avrebbe la lettera di lamentele scritta agli organizzatori della manifestazione, visto che nel caso di Argenta le strade più a rischio erano presidiate da agenti della Polizia Municipale, che di fatto erano titolati sia dal Codice delle Strada che dal Regolamento della Manifestazione a rilevare eventuali infrazioni al codice della strada.

Giusto per essere certi che le regole del Codice della Strada vengano applicate proprio a tutti, abbiamo quindi depositato una nuova interrogazione per chiedere all’Amministrazione:

  • se in base al punto 8.6 del regolamento della Manifestazione, il personale della Polizia Municipale abbia segnalato infrazioni ed inosservanze alle norme del codice della strada;
  • se sia stato possibile attivare ulteriori azioni per obbligare il rispetto dei limiti di
    velocità eventualmente fermando i trasgressori e in caso negativo per quali motivi non sia stato possibile;
  • il numero totale, delle rilevazioni di superamento dei limiti di velocità insistenti sull’incrocio ”Celletta” rilevati dal velox fisso nella giornata di venerdì 19 maggio.

Per leggere la nostra interrogazione clicca qui.

Prossimamente gli aggiornamenti!

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *